1
Mar
2016
1
panini alla zucca morbidi vegan

Panini alla zucca morbidi

Si dice che per andare avanti bisogna conoscere ciò che c’è indietro, conoscere il passato per capire il presente, come tanti filosofi ci hanno insegnato.
Se mi guardo indietro mi accorgo di avere ancora tante cose da imparare e per le quali forse ho mancato l’occasione giusta, ma mi dico sempre che la vita è un percorso in cui non si smette mai di crescere, costruirsi e assorbire conoscenze, quindi tutto sommato va bene così. Ogni giorno è quello giusto per imparare qualcosa di nuovo.

Una delle cose su cui sono sempre stata in disaccordo con mio padre è stato il pane.
Sì, il pane. Sembra un’assurdità, ma è così.
Suo padre, mio nonno, faceva il panettiere e lui è cresciuto con un grande amore nei confronti di questo alimento, che accompagnava ogni suo pasto.
Io invece, forse un po’ per limitare le calorie, non ho mai accompagnato granchè con il pane.

Oggi che sono adulta torno al mio passato, per imparare le lezioni che ho trascurato e cerco di riproporre a casa mia un po’ di quell’amore per il pane che non ho mai avuto.
Da quando ho scoperto la pasta madre poi, le ricette lievitate ed il pane sono diventati il mio gioco preferito. Avevo dimenticato quanto fosse divertente impastare!
È interessante vedere come gli impasti cambino al variare della tipologia di farina, della percentuale d’acqua utilizzata o della temperatura in lievitazione. Il mio nuovo obiettivo è diventare una grande panettiera!! 😀

I panini alla zucca sono l’esperimento di oggi. Si tratta di panini morbidi fatti in casa aromatizzati alla zucca.
Hanno una consistenza soffice, ma corposa, grazie alla grande quantità di mollica.

I panini alla zucca sono perfetti per chi, come il mio Lui in questi giorni, deve dosare la quantità di pane per ogni pasto perchè si possono facilmente porzionare in base alla necessità.
Per i più golosi, invece, consiglio di provare a farcire i panini di zucca con un burger vegetale, salse e verdure…goduria assicurata! Sono molto più saporiti dei tradizionali panini da hamburger. 🙂

Per comodità puoi anche pensare di congelare i tuoi panini di zucca e scongelarli al bisogno. Resteranno morbidi e profumati come appena fatti.

La realizzazione dei panini alla zucca non è complicata e, come sempre, puoi sbizzarrirti a personalizzarli con spezie e semini.
La cosa importante è avere una pasta madre bella forte e che non sia acida, altrimenti il risultato sarà tutt’altro che quello sperato. Se hai uno di questi dubbi, ti consiglio di utilizzare del lievito di birra, secco o fresco.

Io ho utilizzato la planetaria, per facilitarmi il lavoro, ma nulla vieta di usare il metodo delle nonne.

Ecco qui la ricetta.
Ti auguro una giornata luminosa!

panini alla zucca morbidi vegan

Cosa ti serve?

Ingredienti per 2:

– 300 g zucca cruda
– 450 farina (io metà manitoba, metà tipo 1)
– 100 g lievito madre
– 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
– 100 g latte di avena/acqua (indicativo, in base all’umidità della zucca)
– 30 g olio extra vergine d’oliva (2 cucchiai)
– sale (circa 10 g)
– 1 cucchiaino di zucchero di canna
– 1 cucchiaino di malto d’orzo
– semi di zucca e di papavero

Attrezzatura:

Planetaria (io ho questa della Kenwood)

panini alla zucca morbidi vegan

Preparazione

Il primo passaggio per realizzare i panini alla zucca è proprio quello di pulire la zucca e cuocerla.
Inizia eliminando la buccia ed i semi, tagliala a fette e disponila su una placca da forno. Cuocila in forno preriscaldato a 180° per almeno 30 minuti o fino a quando la polpa non risulterà morbidissima. Puoi optare anche per la cottura al vapore, sempre per 30 minuti.

Quando la zucca sarà morbida, riducila in purea con una forchetta o con l’aiuto di un mixer ad immersione.

Ora passa a lavorare nella planetaria: sciogli la pasta madre nel latte tiepido (o acqua) con un cucchiaino di zucchero, aggiungi la purea di zucca tiepida, l’olio e la farina setacciata.
Aziona l’impastatrice ad una velocità moderata e lascia andare per una decina di minuti finchè l’impasto non sarà ben incordato ed omogeneo. Aggiungi il sale preferibilmente dopo aver iniziato ad impastare.
Se ti piace la consistenza croccante nell’impasto, puoi aggiungere dei semi di zucca tagliati a coltello in questa fase.

Al termine dai all’impasto una forma sferica e lascialo lievitare in una ciotola unta, coperta da un panno umido e riposta nel forno spento con la luce accesa.
Ci vorranno circa 3 ore perchè l’impasto raddoppi di volume, se la pasta madre è forte. In ogni caso attendi il tempo necessario al tuo lievito perchè l’impasto raddoppi.
A questo punto forma un filoncino e dividi l’impasto in palline da circa 50g, cercando di renderle più simili possibile ed aiutandoti con una bilancia, se serve.

Cerca di dare alle palline una forma regolare e liscia, procedendo con la cosiddetta pirlatura, ovvero quel movimento rotatorio impresso dalla mano alla pallina di pasta.
Questo procedimento conferirà una consistenza maggiore ai panini.
Disponi i panini alla zucca bel distanziati l’uno dall’altro su una placca rivestita da carta forno e lascia lievitare ancora una trentina di minuti nel forno spento con la luce accesa.
I panini dovranno risultare gonfi e leggermente più grandi.

Ora procedi alla copertura, mentre aspetti che il forno si riscaldi a 180°.
In una ciotolina o bicchiere da caffè sciogli un cucchiaino di malto in poca acqua tiepida. Con un pennellino spennella i panini e cospargili di semi di zucca e di papavero.
Inforna in forno statico a 180° per circa 25/30 minuti. Non aumentare ulteriormente il tempo altrimenti si seccheranno troppo!

Lascia intiepidire fuori dalla teglia di cottura e gustali con ripieni dolci o salati. Farai un figurone!

Consigli:

– Il segreto di un buon pane è il lievito, oltre che la farina, ovviamente. Utilizza un ottimo lievito madre: forte e non acido. In alternativa, meglio del lievito di birra secco o fresco.
– Per quanto riguarda la farina, ho utilizzato un mix non eccessivamente integrale, perchè volevo dei panini delicati. Puoi utilizzare sia farine integrali, che farine più raffinate.
– L’impasto di questi panini di zucca deve risultare morbido, elastico e non appiccicoso: tutto dipende dalla farina utilizzata, che potrebbe assorbire più o meno liquidi e dal grado di umidità della zucca. Quindi valuta l’impasto mentre lo lavori: se risulta troppo duro aggiungi un po’ di latte, un po’ di farina se appiccicoso.
– Per non inumidire eccessivamente la zucca è sconsigliabile la cottura in acqua. Preferisci quella a vapore o in forno.
– Scegli i semi e le spezie che preferisci. A molti piace inserire dell’aglio nell’impasto, altri utilizzano una parte di farina di castagne, della noce moscata o del rosmarino. Dai spazio alla fantasia!
– Anche nella parte croccante esterna puoi utilizzare semi di sesamo, papavero, chia, ma anche granella di nocciole o frutta secca.
– Se ne hai la possibilità, cuoci i panini di zucca con dell’umidità. Puoi inserire una piccola teglia con dell’acqua, se non hai un forno di nuova generazione.
– I panini alla zucca si conservano per 3/4 giorni ben chiusi in un sacchetto.
– Puoi congelare i panini morbidi alla zucca una volta cotti e raffreddati. Per scongelarli sarebbe ottimale tirarli fuori qualche ora prima e, da scongelati, farli rinvenire nel forno.

Ti è piaciuto?

Lo ammetto, ho fatto questi panini alla zucca morbidi solo per farci dei burger! Mi hai scoperta! …e ti assicuro che ne è valsa la pena! 🙂
Fammi sapere cosa ne pensi con un commento!
Se ti piacciono queste ricette, iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato e condividile con i tuoi amici con i pulsanti qui sotto!

You may also like

Karmaveg approda su Crudo Style
Fagottini salati di pasta brisè vegan con cime di rapa e crema di cannellini piccante
Fagottini salati di pasta brisè con crema piccante di cannellini
Torta al mandarino cinese vegan, torta senza uova e senza burro soffice
Torta al mandarino cinese (senza uova e senza burro)
Riso pilaf speziato con nergi vegan
Riso pilaf speziato con nergi

9 Responses

  1. lorenza

    Li faccio subito. Mi hai ispirata moltissimo!!! Userò il licoli, la pasta madre solida l’ho abbandonata da tempo per comodità, ma i risultati sono ugualmente spettacolari.
    Grazie per la bellissima ricetta (anch’io infilo ovunque l’aglio…) <3

    1. Grazie a te Lorenza!! Sono sicura che ti piacerà…anche con uno spicchietto d’aglio! <3
      Si, il licoli è molto più pratico perchè si può rinfrescare meno frequentemente, ma per quanto mi riguarda non ho ancora superato la fase di innamoramento con la pasta madre solida! 😀
      Fammi sapere come vengono!! Un bacione

  2. Costanza

    Sono bellissimi e sicuramente saranno deliziosi!!!! Li devo fare ??
    Purtroppo io non ho la pasta madre, perciò vorrei sapere se è meglio il lievito di birra fresco o secco? E la quantità del lievito di quanto deve essere?

    1. Grazie Costanza!! 🙂 Nessun problema: puoi usare il lievito di birra senza problemi! Personalmente prediligo il lievito secco perchè ha un più alto potere lievitante e perchè mi da l’impressione di lasciare l’impasto meno acido, in ogni caso vanno bene entrambi. Da manuale dovresti usare una bustina da 7g o un cubotto da 25g di lievito fresco, ma ti consiglio di diminuire un po’ le dosi (mezza dose può bastare) ed aumentare il tempo di lievitazione. L’impasto crescerà ugualmente e resterà più digeribile e meno acido. Ovviamente il luogo di lievitazione dovrà restare tiepido e umido. 🙂
      Se hai qualche domanda sono qui! Baci baci

      1. Ti ringrazio infinitamente per la risposta!!!!
        Proverò il lievito secco in granuli, ne ho giusto una confezione appena comprata 🙂
        Grazie e complimenti per le ottime ricette!!

  3. Cristina

    Ciao! Grazie dell’idea! Avevo giusto un po’ di zucca cotta da usare! ? Siccome anch’io ho la planetaria della kenwood, ti posso chiedere quale frusta usi? Quella a spirale o quella a foglia? Grazie

    1. Ciao Cristina! Per gli impasti di media “durezza” (come pane, pizze e focacce) è più adatto il gancio a spirale, mentre quello a foglia si usa per gli impasti un po’ più morbidi. Fammi sapere come vengono!! Bacissimi

      1. Cristina

        Eccomi qua! Grazie mille, fatti oggi è lì ha graditi moltissimo anche il mio bimbo che mangia pochissimo!! ???

      2. Che bello! Sono proprio contenta che vi (e soprattutto GLI) siano piaciuti!! <3
        Grazie di essere passata, Cristina! A prestissimo!

Leave a Reply