11
Gen
2016
1
grissini con lievito madre

Grissini con lievito madre

Quella di oggi non è una ricetta, ma un consiglio.
Non è una ricetta perchè non ti darò dosi precise e ingredienti fissi, ma un metodo per realizzare dei buonissimi grissini con lievito madre e non buttare via l’esubero che si crea se non la usi abbastanza spesso.

Da quando utilizzo il lievito madre ho potuto apprezzare le innumerevoli qualità della lievitazione naturale.
Come molti, prima di scoprire la pasta madre, pensavo di essere intollerante ai lieviti perchè ogni volta che mangiavo una pizza l’acidità del lievito di birra mi appesantiva e gonfiava puntualmente. Grazie al lievito madre ho riscoperto il piacere di realizzare in casa molti prodotti gustosi come pane, pizze, focacce e anche dolci, come la torta angelica al cioccolato, per me off-limits fino a quel momento.

La lievitazione naturale ha però i suoi svantaggi, siamo onesti.
Ad ogni rinfresco, la pasta madre si accresce sempre di più e solo se si panifica spesso o si realizzano prodotti lievitati con una certa costanza, questo esubero non si crea o almeno non disturba.
Inoltre, in un mondo che corre, in cui si passano minimo 8 ore fuori casa a lavorare, poi la spesa, i figli, la casa…preparare una pizza con almeno 7 ore di lievitazione è quasi un’utopia.
Ma siccome a me piacciono le utopie, questa bellissima pasta madre la sto curando come fosse un bambino, da coccolare e accudire e ce la sto mettendo tutta per non farmi mangiare dalla pigrizia e dal tranello della comodità del lievito di birra. 🙂

La buona notizia è che basta un po’ di organizzazione per utilizzare questo metodo anche nel XXI secolo e che l’esubero di pasta madre è facilmente riutilizzabile con qualche ricetta sfiziosa e veloce.
Una di queste è proprio quella dei grissini con lievito madre.

Per realizzare questi grissini di pasta madre ti basteranno pochissimi ingredienti e pochissimo tempo.
Se hai una planetaria sarà più semplice impastarli, ma è sufficiente il metodo ancestrale delle nonne che con le mani facevano perfettamente qualunque impasto.
La forma irregolare, inoltre, conferisce quel non so che di fatto in casa che piace sempre! 🙂

La cosa interessante di questi grissini con lievito madre è che si possono aromatizzare come più ti piace. I miei preferiti sono quelli alle olive nere o quelli ai semi di girasole, ma ti puoi sbizzarrire con qualunque seme, spezia o ortaggio che serva a dare una caratterizzazione interessante.
Leggi i consigli in basso per avere qualche idea in più.

Il bello di questi grissini con pasta madre è anche che non serve lievitazione e si preparano quindi in 10 minuti.
Non avrai nemmeno il tempo di scaldare il forno che saranno già pronti sulla teglia.

I grissini che vedi in foto hanno all’interno olive o semi. Una variante può essere quella di ricoprirli di semini di sesamo o di papavero, ma ti spiego tutto in seguito. Ora la mia pasta madre mi attende per un rinfresco e non posso farla aspettare!

Un abbraccio e alla prossima ricetta!

grissini con lievito madre

Cosa ti serve?

Ingredienti:

– pasta madre non rinfrescata
– farina
– olio extra vergine d’oliva
– sale
– caratterizzazioni (esempio: olive, semi di girasole, pomodori secchi, ecc…)
– acqua tiepida, all’occorrenza

grissini con lievito madre

Preparazione

La preparazione dei grissini con lievito madre è semplicissima e puoi realizzarli “ad occhio” seguendo il metodo che segue.
In una ciotola o nella planetaria inserisci la tua pasta madre, aggiungendo olio, sale ed una manciata di farina.
Inizia ad impastare, per renderti conto se la farina che hai inserito è sufficiente a formare un panetto morbido, ma non appiccicoso. Se non ottieni subito questo risultato continua ad aggiungere farina a poco a poco.

Se hai scelto di caratterizzare i tuoi grissini con lievito madre con qualcosa all’interno dell’impasto, come olive, capperi, pomodori secchi, ecc…tritali grossolanamente e inseriscili subito, visto che possono variare l’umidità dell’impasto.

Quando avrai ottenuto la consistenza giusta, spostati su un piano di lavoro. Taglia a pezzi l’impasto e fallo rotolare sul piano fino ad ottenere dei cilindri più simili possibile l’uno all’altro, per far sì che la cottura risulti omogenea.
Aiutati con della farina se hai difficoltà a realizzare i grissini.

Se decidi di coprire i grissini con lievito madre con dei semini, ti consiglio di inumidire leggermente la superficie, magari rotolando il grissino su una garza inumidita, che poggerai su un piattino. A questo punto i semini si attaccheranno con più facilità: in un piattino pieno di semini, rigira il grissino finché non sarà completamente ricoperto.

Disponi i grissini su una placca da forno e lasciali riposare giusto il tempo che il forno vada in temperatura, una decina di minuti.
Spennella con olio e inforna a 180° per circa 20 minuti o fino ad ottenere una leggera doratura.

Consigli:

– Per caratterizzare ulteriormente i tuoi grissini con lievito madre, puoi utilizzare farine particolari. Va benissimo una farina integrale, ma anche quella di farro.
– Ovviamente la quantità di farina dipende non solo dalla quantità di pasta madre che utilizzi, ma anche dalla sua umidità. Per questo è impossibile dare delle dosi specifiche anche a parità di peso della pasta madre utilizzata.
– Tradizionalmente l’olio abbonda nell’impasto dei grissini. Io ne utilizzo quantità più modeste ed i grissini vengono ugualmente buoni. Indicativamente 30/50 g di olio ogni 300 g di impasto.
– Se la pasta madre è particolarmente soda, potresti avere bisogno di aggiungere poca acqua tiepida all’impasto
– Per la caratterizzazione dell’impasto puoi utilizzare olive, capperi, pomodori secchi, ma anche funghi, spinaci, barbabietola o qualcosa che colori l’impasto e lo renda speciale. In questo caso, attento all’umidità: elimina più acqua possibile e correggi con più farina.
– All’esterno puoi coprire con semini vari, come girasole, papavero, chia, sesamo, zucca, ma anche sale grosso, nocciole e frutta secca.
– Non avere paura di osare: aggiungi all’impasto le spezie che più ti piacciono per ottenere dei buonissimi grissini con lievito madre allo zafferano, alla praprika, curry e tutto ciò che ti suggerisce la fantasia.
– Ricorda che il tempo che ti ho indicato per la cottura dei grissini dipende moltissimo dalla dimensione degli stessi. Dopo 10 minuti controlla a che punto di cottura sono i tuoi grissini e modula il tempo in base a questo.
– Un modo carino per decorare questi grissini con pasta madre è creare un “torciglione” con due strisce appiattite di pasta. L’effetto è assicurato!

Ti è piaciuto?

I grissini con lievito madre sono un modo furbo per non sprecare l’esubero di lievito ed uno spuntino goloso. E tu cosa ne pensi? Fammi sapere con un commento!
Se ti piacciono queste ricette, iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato e condividile con i tuoi amici con i pulsanti qui sotto!

You may also like

Karmaveg approda su Crudo Style
Fagottini salati di pasta brisè vegan con cime di rapa e crema di cannellini piccante
Fagottini salati di pasta brisè con crema piccante di cannellini
Torta al mandarino cinese vegan, torta senza uova e senza burro soffice
Torta al mandarino cinese (senza uova e senza burro)
Riso pilaf speziato con nergi vegan
Riso pilaf speziato con nergi

2 Responses

  1. Emanuela

    Ciao! Ho iniziato da poco con la pata madre e ho ancora qualche dubbio. Per non rinfrescata intendi prima di aggiungere farina e acqua ogni circa tre giorni?
    Grazie!

    1. Ciao Emanuela! Sì, questa ricetta è pensata proprio per gli esuberi di pasta madre: per tenere in vita il tuo lievito madre dovrai continuamente rinfrescarlo, anche quando non panifichi. Invece di buttarne via una parte (per non averne quintali), prima di aggiungere farina e acqua, puoi utilizzare questo procedimento per creare i grissini!
      Se hai dubbi…sono qui! 🙂

Leave a Reply