9
Feb
2016
3
Canederli vegan al cavolo nero

Ode all’osteria: canederli vegan al cavolo nero

Sabato si è concluso il corso di cucina che ho seguito presso il ritorante Joia di Leeman, uno degli chef vegetariani che ammiro di più.
È stata un’esperienza incredibile, che mi ha regalato tantissimo. Sicuramente mi ha dato molto a livello di competenze, ho imparato ricette e metodi di cottura, ma la cosa forse più importante è la crescita umana che ne è derivata.
In questi mesi mi sono confrontata non solo con dei veri professionisti, ma ho avuto modo di scambiare idee ed energie con le persone che hanno affrontato il percorso con me.
Ho conosciuto persone davvero meravigliose, tutte speciali, ognuna a suo modo. Ciascuno mi ha lasciato qualche piccola lezione di vita o di cucina, che serberò nella memoria molto a lungo.

Un pensiero su tutti si è rafforzato nella mia testa.
Nel mio mondo la cucina è quella quotidiana delle mamme e delle nonne, qualcosa di genuino, che sazi non solo la pancia, ma che acquieti lo spirito.
Cibo fatto di cose semplici, ingredienti di tutti i giorni: questa è la mia cucina.

Proprio di questo discutevamo spesso al corso e in particolare con uno dei compagni mi sono ritrovata a sognare un’osteria di cibi semplici, vegetali

Dopo tanto sognare, ho voglia di un cibo semplice e tradizionale e, guarda un po’, ho anche del pane raffermo in dispensa.
È l’osteria che chiama: tutto è pronto per dei buonissimi canederli vegan al cavolo nero.

In questa versione ho realizzato dei canederli senza uova, un po’ più piccini dei tradizionali, in modo che si possano mangiare in un sol boccone.
Per renderli saporiti e adatti alla stagione ancora fredda, li ho fatti con del cavolo nero e del porro, ma nulla ti vieta di usare altro tipo di verdura, come radicchio, spinaci, funghi o quello che il frigo ti offre. Il bello dei canederli vegan alla verdura è che possono essere un’ottima ricetta svuotafrigo o svuotadispensa.

Questi canederli vegan sono ottimi in brodo, come i tradizionali, ma ancor più buoni sono con un sughettino ai funghi e zafferano.
Secondo me sono proprio libidinosi!!

Segui bene i consigli in fondo alla ricetta perchè non avendo uova all’interno, dovrai avere qualche accortezza in più nella realizzazione.
Un abbraccio a tutti ed un grazie di cuore agli amici iscritti alla newsletter che mi hanno aiutata per l’esame. Siete stati davvero speciali!
Prestissimo, come promesso, posterò le ricette.

Canederli vegan al cavolo nero

Cosa ti serve?

Ingredienti:

– 150 g pane raffermo
– 100 g cavolo nero
– 1/2 porro
– 30/50 g farina (io farro)
– pan grattato
– olio extra vergine d’oliva
– sale
– pepe e aromi (io ho messo un mix di rosmarino, salvia, maggiorana, erba cipollina)
– brodo vegetale (cipolla, sedano, carota)

Canederli vegan al cavolo nero

Preparazione

Metti il pane in una ciotola e bagnalo con un mestolo di brodo.
Non esagerare con la quantità di liquido e lascia che si ammorbidisca pian piano. Lascialo riposare per almeno 10 minuti.

Intanto prepara il cavolo nero: lavalo e taglialo grossolanamente quel tanto che serve a sbollentarlo comodamente. Fallo bollire pochi minuti, scolalo e taglialo a listarelle sottili, eliminando le foglie più dure e la costa centrale.
Taglia anche il porro a rondelle sottili e fallo appassire con un filo d’olio in una padella ampia, unendo il cavolo nero.
Per fargli tirar fuori tutta l’acqua spolvera con poco sale. Alla fine, se serve, tritalo con un minipimer o taglia ancora al coltello per ottenere dei pezzi sufficientemente piccoli.

Quando il pane sarà ben morbido, aggiungi la verdura, avendo cura di evitare l’eventuale acqua in eccesso.
Metti la farina, un cucchiaio d’olio e aggiusta di sale, pepe e aromi.
Mescola per amalgamare il tutto e sei già pronto per realizzare i tuoi canederli.

Con le mani umide prendi un po’ di impasto e crea delle sfere di circa 3/4 cm di diametro. Riponile su un piatto coperto di pangrattato cosicchè non si attacchino.

Quando tutti i canederli saranno pronti potrai decidere di cuocerli nel brodo per pochi minuti finchè non riaffiorano, oppure al vapore.

Puoi servire i canederli vegan con il loro brodo oppure con ripassati in padella con una salsa.
In una di queste foto, ad esempio, ti mostro la versione cotta a vapore, con una salsa di funghi secchi, zafferano e panna vegetale. Noi abbiamo adorato questa versione perchè molto saporita e compatta come i canederli tradizionali.

La realizzazione della salsa è semplicissima: metti in ammollo i funghi secchi per 15 minuti circa.
In una padella fai scaldare della panna di soia, allungandola con poca acqua di ammollo dei funghi ben filtrata. Aggiungi 1/2 cucchiaino di zafferano, sale, pepe e prezzemolo.
Trita i funghi al coltello, in modo da ottenere dei dadini piccolissimi. Aggiungi il trito di funghi alla salsa e lascia andare per pochi minuti prima di condire i canederli vegan.

Consigli:

– Utilizza un pan secco di 2/4 giorni, con molta mollica. Non usarne uno troppo vecchio altrimenti si sbriciolerà troppo rendendo impossibile la formazione di canederli compatti.
– Non inumidire il pane con troppo brodo altrimenti non riuscirai a lavorarlo e dovrai aggiungere troppa farina all’impasto.
– La dose di farina indicata negli ingredienti è indicativa: moltissimo dipenderà dall’umidità del tuo pane e della verdura cotta. Aggiungine a sufficienza per poter modellare agilmente l’impasto.
– Personalmente amo quando la consistenza della verdura si sente, perciò ho tagliato il cavolo nero a listarelle sottili. Se preferisci che si perda nell’impasto, passalo al minipimer prima di inserirlo nel pane.
– È importante compattare bene l’impasto tra le mani. Inumidiscile con acqua fredda per non far attaccare l’impasto mentre lo lavori.
– La cottura dei canederli avviene in genere nel brodo. Ricordati di tuffarli a brodo bollente, ma di abbassare subito la fiamma perchè non si sfaldino a causa del vorticare dell’acqua. Prova la cottura a vapore per una consistenza più asciutta.
– Se non sei sicuro della consistenza dell’impasto, prova a buttare in acqua un primo canederlo ed eventualmente aggiungi altra farina o pangrattato all’impasto.
– Aggiungi all’impasto o a cottura ultimata, del lievito alimentare in scaglie per un sapore più formaggioso.
– Per una versione più leggera della salsa ai funghi utilizza del latte vegetale e lega con amido di mais.
– I canederli vegan sono ottimi anche con del semplice veg-burro e salvia o sugo di noci.

Ti è piaciuto?

Un primo piatto caldo e sostanzioso, icanederli vegan al cavolo nero sono perfetti per la stagione invernale! Fammi sapere cosa ne pensi con un commento!
Se ti piacciono queste ricette, iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato e condividile con i tuoi amici con i pulsanti qui sotto!

You may also like

Karmaveg approda su Crudo Style
Fagottini salati di pasta brisè vegan con cime di rapa e crema di cannellini piccante
Fagottini salati di pasta brisè con crema piccante di cannellini
Torta al mandarino cinese vegan, torta senza uova e senza burro soffice
Torta al mandarino cinese (senza uova e senza burro)
Riso pilaf speziato con nergi vegan
Riso pilaf speziato con nergi

4 Responses

    1. Ciao Daria! L’importante è che abbia molta mollica e che sia secco e corposo, per il resto non credo che il pane di pasta madre abbia controindicazioni! 🙂 Se provi comunque voglio sapere! Un bacione

Leave a Reply