28
Mag
2015
0
10 cose da sapere sugli asparagi

10 cose da sapere sugli asparagi

La stagione degli asparagi è sta per volgere al termine. Per pochi mesi all’anno diventano alcuni degli ingredienti cardine della mia tavola.
Sono davvero versatili, gustosi e sani. Mi piace usarli in molte ricette: dalle farifrittate, alle quiches, in insalata ed in qualsiasi piatto voglia dare un tocco delicato, ma con carattere.
Ecco qui 10 cose che dovresti sapere sui buonissimi asparagi.

1 – Pianta antichissima, era conosciuta giù degli antichi Egizi e dai Romani, che ne riportano notizia in alcuni testi datati 200 a.c. Alcuni Imperatori ne erano così ghiotti che inviavano le “asparagus”, delle navi speciali, a raccoglierli oltremare.

2 – Pipì che puzza dopo aver mangiato gli asparagi? Sei tra il 40% delle persone che lo possono percepire. Degli studi approfonditi dimostrano che se è certo che le urine cambino odore dopo aver mangiato gli asparagi, è altrettanto vero che meno della metà della popolazione percepisce questo tipo di odore. Il perché le urine siano maleodoranti dopo aver mangiato gli asparagi è ancora un caso aperto. La scienza se lo chiede dall’800, ma non è ancora concorde nella risposta: una teoria incolpa l’asparagina, un’amminoacido aromatico che passa subito dalla circolazione ai reni, che lo eliminano velocemente, non smaltendo il suo odore persistente. Un’altra teoria attribuisce questo inconveniente a componenti a base di zolfo, presenti negli asparagi. In un mare di dubbi l’unica certezza è che se mangi asparagi, devi ricordati di aprire la finestra del bagno!

3 – L’asparago ha ottime proprietà diuretiche, ma è utilizzato anche come antinfiammatorio della milza, rimedio epatico e bronchiale. Perfetto per eliminare il ristagno dei liquidi, quindi per chi combatte la cellulite. Inoltre previene il diabete, favorendo la produzione di insulina.

4 – Come sceglierli? Innanzitutto devono essere duri, ma non legnosi, le punte chiuse, il colore brillante e l’odore aromatico, ma non sgradevole.

5 – Secondo gli arabi del XV secolo, come scritto nel Giardino profumato delle delizie sensuali, gli asparagi avrebbero un potere altamente afrodisiaco.

asparagus5

6 – In Italia troviamo gli asparagi da marzo a giugno in circa 200 varietà, di cui le più comuni sono: bianchi, violetti, verdi e selvatici.

7 – Gli asparagi sono germogli dal sapore intenso e molto gustoso: provali tagliati sottilmente crudi in carpaccio aromatico. Ti stupiranno.

8 – Come conservare gli asparagi? Avvolgili in un panno umido e riponili in frigo. Rimarranno freschi per 4 giorni. Per congelarli, invece, dopo averli cotti, elimina l’acqua in eccesso, lasciali raffreddare e riponili in freezer su una teglia coperta da carta forno, in modo che rimangano separati e non si attacchino sul fondo. Una volta congelati, puoi trasferirli in un sacchetto trasparente da freezer e conservarli per un paio di mesi.

9 – Gli asparagi sono perfetti per chi ha deciso di mantenere un regime alimentare ipocalorico: con le loro 25 calorie per 100g , le vitamine (A, B, C su tutte), i sali minerali e le fibre, sono consigliatissimi! Inoltre aumentano il senso di sazietà.

10 – Mangiando appena 100 grammi di asparagi si assume circa il 75% della quantità quoidiana necessaria di acido folico, una sostanza fondamentale alla moltiplicazione delle cellule e alla sintesi delle proteine.

Ricette con gli asparagi

Leggi anche: Cous cous in verde

You may also like

Cous cous verde primavera vegano
Cous cous verde primavera
Carpaccio marinato di tempeh con ricotta di soia alla senape vegan
Carpaccio marinato di tempeh con ricotta alla senape
Lasagnetta aperta con asparagi, fiori di zucca e salsa ai mirtilli
Lasagnetta aperta con asparagi, fiori di zucca e salsa ai mirtilli
zuppa di asparagi primavera vegan
Zuppa di asparagi primavera

Leave a Reply